Clima interno e vita sana
star_border

L'importanza del vivere sano

Ognuno di noi ama sentirsi bene nella propria casa ed avere uno spazio sicuro dove rilassarsi e ricaricare le batterie. Ma soltanto i fattori "sani" garantiscono le condizioni ottimali per il nostro corpo e la nostra persona. Ecco quindi che la nostra casa deve poter sostenere la nostra salute, fisica e mentale, ed evitare il più possibile di rappresentare una minaccia.

Se partiamo dal presupposto che oggigiorno le persone passano il 90% del loro tempo in ambienti chiusi, capiamo quanto la qualità dell'aria interna sia di fondamentale importanza per il nostro benessere, salute e qualità della vita in generale. La sua temperatura, il flusso di corrente e l'umidità, giocano quindi un ruolo davvero significativo sul clima interno.

Attraverso la lettura dei nostri dati di analisi, ti renderai conto di quali siano i fattori che hanno un'influenza negativa sul clima interno sano. Scoprirai inoltre quali misure e materiali adottare per contribuire notevolmente al miglioramento del clima interno della tua abitazione.






Fattori che influenzano il clima interno


Fattori fisici

Sensibili fluttuazioni di umidità e temperatura, livelli bassi di ioni aerodispersi, correnti d'aria e una quantità maggiore di particelle inquinanti possono causare danni alle vie respiratorie, alterazioni della funzionalità polmonare e malattie cardiovascolari.


Fattori biologici

Muffe, batteri, virus, parassiti e allergeni nell'aria. Gli allergeni entrano in gioco con polvere domestica, spore di muffe, epiteli animali, materiali da costruzione o piante. Possono causare infiammazioni alla mucosa, congiuntivite, raffreddori e asma allergico.


Fattori chimici

Odori, solventi, formaldeide, CO2, VOC e fumo. Gli odori sgradevoli possono provenire da mobili e finiture del pavimento, tubi di scarico o dall'esterno. Tutto ciò minaccia il benessere personale e causa stress.


I problemi di molti edifici moderni


Gli edifici moderni sono spesso progettati come case a basso consumo energetico o passive. Ecco perché stanno diventando sempre più a tenuta d'aria, fornendo una protezione termica ottimale e riducendo la necessità di energia di riscaldamento. Ciò impedisce, in parte, un eccessivo aumento di calore in estate, ovviamente quando le schermature solari delle finestre sono realizzate in modo ottimale.

Nei decenni passati le estati sono diventate sempre più calde, con il risultato di interni spiacevolmente surriscaldati che non possono essere raffreddati con una semplice ventilazione. Il surriscaldamento è decisivo, soprattutto se la costruzione è stata interamente realizzata con strutture leggere prefinite, senza l'uso di materiali da costruzione massicci che possono accumulare calore.